Termine coniato dagli autori anglosassoni per indicare nel suo insieme la sostanza interneuronale, ovvero la densa concentrazione di assoni e dendriti interconnessi, oltreché i corpi cellulari gliali.

Success message!
Warning message!
Error message!