Dicembre 5, 2020 in R

L’azione della muscolatura consiste in un movimento oppure nel mantenimento di una posizione. I riflessi di raddrizzamento servono appunto a riacquistare una posizione fisiologica quando questa sia stata alterata. Il centro di integrazione tra gli stimoli propriocettivi e quelli efferenti è prevalentemente a livello mesencefalico. Le principali forme sono il raddrizzamento del corpo lanciato nel vuoto (può essere, ad esempio, osservato nel gatto) o il raddrizzamento del corpo posto su un fianco che si realizza attraverso una sequenza di cinque riflessi: il riflesso di raddrizzamento ottico, labirintico, esterocettivo, cervicale e di raddrizzamento del corpo sul corpo.Nell’uomo, i riflessi di raddrizzamento possono essere osservati nel bambino entro poche settimane dalla nascita: quando il bambino è tenuto sospeso con la testa in basso o viene messo in posizione prona, solleva automaticamente la testa.

Success message!
Warning message!
Error message!