Per travestitismo si intende un comportamento caratterizzato dal piacere che una persona prova nell’indossare abiti del sesso opposto. Il DSM-IV inserisce questo tipo di comportamento tra i disturbi dell’identità di genere se si presenta in modo transitorio e correlato allo stress; nel caso in cui questo atteggiamento sia persistente e caratterizzato da eccitamento sessuale viene inserito tra le parafilie. Vi sono vari gradi di travestitismo, che variano dall’indossare saltuariamente e in privato abiti del sesso opposto fino a una completa identificazione con l’altro sesso. Nella terapia devono essere esaminate le dinamiche intrapsichiche che caratterizzano questo comportamento; vengono utilizzate tecniche comportamentali, psicoterapie, ipnosi, ecc. Si ricorre alla terapia farmacologica esclusivamente quando sono associate altre patologie psichiatriche (ansia, depressione), oppure nei casi in cui il comportamento assume particolari caratteristiche di perdita del controllo degli impulsi.

Success message!
Warning message!
Error message!