Gestione dei sintomi neuropsichiatrici nella demenza

I sintomi neuropsichiatrici sono comuni nella demenza e contribuiscono ai ricoveri e allo stress dei caregiver.
1. Quando un paziente con demenza sviluppa sintomi neuropsichiatrici, il primo passo è identificare i fattori precipitanti ed escludere e trattare una causa medica. L’agitazione e altre anomalie comportamentali possono derivare da una varietà di cause sottostanti nei pazienti con demenza e identificare la genesi del comportamento anormale è fondamentale per una gestione efficace.
2. Le terapie ambientali, comportamentali e altre terapie non farmacologiche possono essere efficaci in questi pazienti e, quando appropriato, sono preferite rispetto ai farmaci, che hanno un alto tasso di effetti avversi.
3. Il dolore è una fonte importante di disturbi comportamentali nei pazienti con demenza. La gestione del dolore e la prescrizione di farmaci dovrebbero essere affrontate in modo pragmatico, utilizzando un approccio graduale e titolando lentamente.
4. Gli inibitori della colinesterasi non producono un miglioramento clinicamente significativo dei sintomi neuropsichiatrici nei pazienti con demenza. Tuttavia, molti di questi pazienti sono ancora trattati con questi farmaci a causa di un modesto miglioramento cognitivo.
5. Il citalopram viene spesso utilizzato per i sintomi depressivi e a causa dei suoi possibili benefici aggiuntivi per altri sintomi neuropsichiatrici; la dose di citalopram non deve superare i 20 mg al giorno nei pazienti adulti più anziani. La sertralina è un’alternativa ben studiata al citalopram. I triciclici dovrebbero essere evitati a causa degli effetti collaterali e delle interazioni farmacologiche.
6. Gli agenti antipsicotici hanno un’efficacia limitata e sono associati ad un aumento della mortalità nei pazienti con demenza. Tuttavia, le alternative sono limitate quando i sintomi sono gravi, invalidanti e /o minacciano la sicurezza del paziente o del caregiver. Quando i farmaci antipsicotici sono ritenuti necessari, si consigliano basse dosi di olanzapina o risperidone dopo aver informato le famiglie del rischio di mortalità. Se possibile, si consiglia l’uso a breve termine, con regolari rivalutazioni dei rischi e dei benefici.
7. I pazienti con demenza a corpi di Lewy corrono un rischio particolarmente elevato di gravi effetti collaterali con farmaci neurolettici. Quando la farmacoterapia è necessaria per il trattamento dei sintomi comportamentali in tali pazienti, devono essere utilizzate solo dosi molto basse di alcuni neurolettici atipici (p. Es., Quetiapina o clozapina ).
8. L’apatia è un sintomo comune e impegnativo della demenza che può esistere con e senza depressione in comorbidità. Le strategie di trattamento includono un inibitore della colinesterasi e un tentativo con un antidepressivo
9. I disturbi del sonno sono comuni nei pazienti con demenza. Le strategie non farmacologiche, come mantenere una buona igiene del sonno, massimizzare la luce naturale mattutina e fare esercizio quotidiano, sono generalmente preferite alla farmacoterapia.