La carenza di vitamina D è un distruttore cerebrale

La carenza di vitamina D interrompe la connettività cerebrale strutturale e danneggia l’apprendimento e la memoria destabilizzando le reti perineuronali (PNN) che forniscono impalcature per i neuroni, suggerisce una nuova ricerca.

I PNN sono fatti di proteine ​​e molecole di zucchero che formano una rete forte e solidale attorno a certi neuroni. In tal modo stabilizzano i contatti che queste cellule hanno con altri neuroni.

Thomas Burne, PhD e colleghi dell’Università del Queensland, Brisbane, Australia, hanno rimosso la vitamina D dalla dieta di un gruppo di topi sani giovani adulti, mentre un gruppo di controllo ha continuato a ricevere vitamina D.

Dopo 20 settimane, il gruppo con deficit di vitamina D ha mostrato un significativo declino nella capacità di ricordare e apprendere, rispetto al gruppo di controllo.

Il cervello dei topi con deficienza di vitamina D mostrava una marcata riduzione dei PNN nell’ippocampo, una regione del cervello cruciale per la memoria e l’apprendimento. C’era anche una pronunciata riduzione sia del numero sia della forza delle connessioni tra i neuroni nell’ippocampo. La carenza di vitamina D non ha avuto un impatto evidente sul volume dell’ippocampo.

Lo studio è stato pubblicato online il 2 febbraio 2019 su Brain Structure and Function.

“Curiosamente, il lato destro dell’ippocampo era più colpito dalla carenza di vitamina D rispetto al lato sinistro”, ha detto Burne in un comunicato stampa.

La perdita di funzione in quest’area può contribuire a gravi deficit di memoria e una percezione distorta della realtà, segni distintivi della schizofrenia, ha osservato. Circa il 70% delle persone con schizofrenia ha insufficiente vitamina D, e anche i pazienti schizofrenici tendono ad avere più interruzioni nella parte destra del loro ippocampo, ha aggiunto.

In un secondo articolo, pubblicato online il 19 febbraio su Trends in Neuroscience, Burne e colleghi propongono che adeguati (normali) livelli di vitamina D impediscono a determinati enzimi di scomporre i PNN, ma quando i livelli di vitamina D diminuiscono, questi enzimi diventano non controllati e iniziano a degradare i PNN .

“Dato che i neuroni dell’ippocampo perdono le loro reti perineuronali di supporto, possono avere difficoltà a mantenere le connessioni, e questo alla fine porta ad una perdita della funzione cognitiva”, ha detto Burne.

Le nuove scoperte supportano “prove convergenti” da studi umani e su animali che mostrano un’associazione tra carenza di vitamina D e deterioramento cognitivo, concludono i ricercatori.

Fonte: Medscape News