Memantina nel disturbo ossessivo compulsivo da moderato a grave: revisione sistematica e meta-analisi

Una percentuale considerevole di pazienti con disturbo ossessivo compulsivo (DOC) che ricevono una terapia farmacologica di prima linea non risponde completamente al trattamento e continua a mostrare sintomi significativi. In questa revisione sistematica, valutiamo l’efficacia di memantina, come agente modulante il glutammato, nel DOC da moderato a grave. Sono stati considerati studi in singolo e doppio cieco e in aperto sull’aggiunta di memantina negli adulti con DOC. I punteggi della scala Yale-Brown Obsessive Compulsive Scale (Y-BOCS) erano la misura di esito principale. I database elettronici di PubMed, Scopus, Embase e Google Scholar sono stati ricercati per studi pertinenti utilizzando le parole chiave “disturbo ossessivo compulsivo O DOC” E “memantina”. La meta-analisi di otto studi che hanno coinvolto 125 soggetti con disturbo ossessivo compulsivo che ricevevano l’aumento di memantina ha mostrato una significativa riduzione media complessiva di 11,73 punti nei punteggi Y-BOCS. L’analisi categorica della risposta al trattamento (una riduzione minima del 35% di Y-BOCS) in quattro in doppio cieco controllati con placebo studi hanno indicato che i pazienti con disturbo ossessivo compulsivo che ricevevano l’aggiunta di memantina avevano 3,61 volte più probabilità di rispondere al trattamento rispetto a quelli che ricevevano placebo. Abbiamo scoperto che l’aggiunta di 20 mg / die di memantina al trattamento farmacologico di prima linea per un periodo di almeno 8 settimane è un intervento sicuro ed efficace per il disturbo ossessivo compulsivo da moderato a grave. Keywords: Glutamate-modulating agent; Memantine; Meta-analysis; Obsessive-compulsive disorder; Systematic review; Y-BOCS. Copyright (C) 2019. Published by Elsevier B.V.