Quasi 1 su 5 sviluppa sintomi psichici in seguito a COVID-19

Una nuova ricerca suggerisce che a un paziente su cinque COVID-19 viene diagnosticato un disturbo psichiatrico come ansia o depressione entro 3 mesi dal risultato del test positivo per il virus.

Il ricercatore principale Paul Harrison, BM, DM, professore di psichiatria, Università di Oxford, Oxford, Regno Unito, ha detto in una dichiarazione che: “Le persone erano preoccupate che i sopravvissuti al COVID-19 fossero a maggior rischio di disturbi psichiatrici e i nostri risultati in uno studio ampio e dettagliato dimostrano che questo è vero”,

I servizi sanitari “devono essere pronti a fornire assistenza, soprattutto perché è probabile che i nostri risultati siano sottostimati del numero effettivo di casi”, ha detto Harrison.

Lo studio ha anche dimostrato che avere un disturbo psichiatrico aumenta in modo indipendente il rischio di contrarre COVID-19, una scoperta in linea con la ricerca pubblicata all’inizio di questo mese.

“Avere una malattia psichiatrica dovrebbe essere aggiunto all’elenco dei fattori di rischio per COVID-19”, ha detto nel comunicato il coautore dello studio Maxime Taquet, PhD, Università di Oxford.

Lo studio è stato pubblicato online il 9 novembre su The Lancet Psychiatry .

Raddoppia il rischio
I ricercatori hanno approfittato della rete di analisi TriNetX, che ha acquisito dati anonimi da cartelle cliniche elettroniche di un totale di 69,8 milioni di pazienti di 54 organizzazioni sanitarie negli Stati Uniti.

Di questi pazienti, 62.354 adulti sono stati diagnosticati con COVID-19 tra il 20 gennaio e il 1 agosto 2020.

Per valutare le sequele psichiatriche di COVID-19, i ricercatori hanno creato coorti di pazienti abbinati al punteggio di propensione che avevano ricevuto una diagnosi di altre condizioni che rappresentavano una gamma di manifestazioni acute comuni.

Da 14 a 90 giorni dopo la diagnosi di COVID-19, il 5,8% dei pazienti ha ricevuto una prima diagnosi registrata di malattia psichiatrica. Tra i pazienti con problemi di salute diversi da COVID, dal 2,5% al ​​3,4% dei pazienti ha ricevuto una diagnosi psichiatrica, riferiscono gli autori. Il rischio era maggiore per disturbi d’ansia , depressione e insonnia .

Lo studio ha anche rivelato una relazione bidirezionale tra malattia mentale e COVID-19. Gli individui con una diagnosi psichiatrica avevano circa il 65% in più di probabilità di ricevere una diagnosi di COVID-19 rispetto alle loro controparti che non avevano malattie mentali, indipendentemente dai fattori di rischio per la salute fisica noti per COVID-19.

“Non prevedevamo che la storia psichiatrica sarebbe stata un fattore di rischio indipendente per COVID-19. Questa scoperta appare robusta, essendo osservata in tutte le fasce di età e in entrambi i sessi, ed è stata sostanziale”, scrivono gli autori.

Al momento, “non capiamo quale sia la spiegazione per le associazioni tra COVID e malattia mentale. Stiamo esaminando questo aspetto in modo più dettagliato per cercare di capire meglio quali sottogruppi sono particolarmente vulnerabili a questo proposito”, ha detto Harrison a Medscape Medical News .

Ricerca “ambiziosa”
Commentando i risultati per Medscape Medical News , Roy H. Perlis, MD, Department of Psychiatry, Massachusetts General Hospital e Harvard Medical School, Boston, Massachusetts, ha affermato che questo è “uno sforzo ambizioso per comprendere le conseguenze a breve termine di COVID in termini delle malattie cerebrali “.

Perlis ha detto di non essere particolarmente sorpreso dall’aumento delle diagnosi psichiatriche tra i pazienti COVID-19.

“Dopo l’infezione da COVID, le persone hanno maggiori probabilità di ottenere un follow-up medico ravvicinato del solito. È più probabile che accedano al sistema sanitario; dopo tutto, hanno già avuto COVID, quindi probabilmente hanno meno paura di vedere il loro medico. Ma questo probabilmente significa anche che hanno maggiori probabilità di ottenere una nuova diagnosi di qualcosa come la depressione “, ha detto.

La demenza può essere l’illustrazione più chiara di questo, ha detto Perlis. “Sembra meno probabile che la demenza si sviluppi un mese dopo COVID; più probabilmente, qualcosa che accade durante la malattia porta qualcuno ad avere maggiori probabilità di diagnosticare la demenza in seguito”, ha osservato.

Perlis ha ammonito di non essere “inutilmente allarmato” dai risultati di questo studio.

“Sappiamo che i tassi di depressione nel Regno Unito e negli Stati Uniti, come in gran parte del mondo, sono sostanzialmente elevati in questo momento. Molto di questo è probabilmente una conseguenza dello stress e dei disagi che accompagnano la pandemia”, ha detto Perlis.

Lo studio è stato finanziato dal National Institute for Health Research. Harrison non ha rivelato rapporti finanziari rilevanti. Un autore è un dipendente di TriNetX. Perlis ha ricevuto commissioni di consulenza per il servizio nei comitati consultivi scientifici di Belle Artificial Intelligence, Burrage Capital, Genomind, Psy Therapeutics, Outermost Therapeutics, RID Ventures e Takeda. Detiene partecipazioni in Psy Therapeutics e Outermost Therapeutics.

Lancet Psychiatry . Pubblicato online il 9 novembre 2020.