Zafferano efficace nel disturbo dell’attenzione, iperattività

Lo zafferano (Crocus sativus L), sembra essere efficace quanto il metilfenidato stimolante (MPH) nel trattamento dei sintomi nei giovani con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), suggerisce una nuova ricerca.

In un trial randomizzato di 6 settimane, un team di ricercatori dell’Università di Tehran di Scienze mediche in Iran, ha riscontrato che non vi erano differenze significative nell’efficacia o eventi avversi nel gruppo di zafferano vs MPH.

“Da questo studio preliminare, il punto principale è che possiamo considerare lo zafferano come un’alternativa [agli stimolanti] in pazienti con ADHD”, afferma Shahin Akhondzadeh, professore di psicofarmacologia clinica, Roozbeh Psychiatric Hospital, Tehran University di Scienze mediche, Iran.

“L’efficacia a breve termine dello zafferano ha dimostrato la stessa efficacia del metilfenidato, sebbene siano necessari studi più ampi e controllati con periodi di trattamento più lunghi per verificare i risultati”, ha affermato.

Lo studio è stato pubblicato online l’11 febbraio sul Journal of Child and Adolescent Psychopharmacology.

L’MPH, che è comunemente usato per trattare l’ADHD, ha molti effetti collaterali, tra cui perdita di appetito, disturbi del sonno e nausea, osservano gli autori.

Inoltre, circa il 30% dei bambini non risponde a MPH, portando a una ricerca di strategie non stimolanti.

“Molti antidepressivi sono stati usati come alternative agli stimolanti in pazienti con ADHD che non possono tollerare il Ritalin o non rispondono al Ritalin”, ha detto Akhondzadeh.

Tuttavia, gli antidepressivi sono anche associati ad eventi avversi, con risultati “spesso insoddisfacenti”, osservano gli autori.

Questo lascia un “vuoto da riempire con farmaci alternativi, in particolare con farmaci a base di erbe”, aggiungono.

Lo zafferano è stato tradizionalmente usato per una varietà di scopi medicinali, compresi i suoi effetti antispastici, antisettici, antitumorali e anticonvulsivanti.

Lo zafferano e i suoi costituenti attivi sembrano aumentare l’inibizione della ricaptazione di dopamina e norepinefrina e sono antagonisti del recettore dell’acido N-metil D-aspartico (NMDA) e agonisti GABA-α.

“Come forse è noto, il mio paese è il principale produttore di zafferano e circa il 90% dello zafferano viene dall’Iran – anzi, lo zafferano è un’erba persiana con una storia lunga quanto l’impero persiano”, ha osservato Akhondzadeh.

“Ci sono prove solide nella medicina tradizionale persiana sugli effetti psicotropi dello zafferano, ma abbiamo bisogno anche di medicine basate sull’evidenza nella medicina tradizionale.

“Il mio gruppo di ricerca presso il Roozbeh Psychiatry Hospital ha studiato gli effetti psicotropici dello zafferano dall’inizio del 2000 e abbiamo documentato i suoi effetti antidepressivi”, ha aggiunto.

Per indagare sulla questione, i ricercatori hanno condotto uno studio pilota randomizzato, in doppio cieco, per confrontare l’efficacia e la sicurezza delle capsule di zafferano con l’MPH in un gruppo di pazienti ambulatoriali (età compresa tra 6 e 17 anni).

I pazienti (n = 54) sono stati randomizzati a due gruppi paralleli (n = 27 per gruppo). Di questi, 25 pazienti in ciascun gruppo hanno completato il trial.

Un gruppo ha ricevuto MPH a partire da una dose di 0,3-1 mg / kg / die, che è stata titolata durante lo studio.

Il secondo gruppo ha ricevuto capsule di zafferano alla dose di 20-30 mg / die, a seconda del peso del bambino.

Non ci sono state differenze significative nelle caratteristiche di base (ad esempio, età e sesso) tra i due gruppi.

Costo della terapia

Nessun evento avverso grave è stato registrato in nessuno dei pazienti e eventi non gravi (ad es, mal di testa, secchezza delle fauci, insonnia, diminuzione dell’appetito) erano simili tra i due gruppi.

“Questo studio fornisce prove per risultati soddisfacenti con lo zafferano nel trattamento dell’ADHD”, scrivono gli autori.

Tuttavia, Akhondzadeh ha riconosciuto che il costo dello zafferano è una preoccupazione.

“Anche se lo zafferano è la spezia più costosa, il dosaggio giornaliero che abbiamo usato in questo studio è pari a 60 mg di zafferano puro”, ha riferito.

“Pertanto, qualsiasi prodotto proveniente dall’Iran è più economico degli stimolanti comuni e in Europa è di circa € 1 [$ 1,20] per ogni capsula”, ha affermato.

Ha notato che ci sono alcuni prodotti antidepressivi a base di zafferano, basati sui suoi studi precedenti, disponibili in Iran e in Europa.

Anche se lo zafferano è disponibile come spezia negli Stati Uniti, “non è garantito che avrà lo stesso effetto medicinale se usato in un pasto, dal momento che il componente principale del nostro estratto è la crocina”, ha aggiunto.

Preliminare ma promettente
Commentando lo studio per Medscape Medical News, Patricia L. Gerbarg, MD, assistente professore di psicologia in clinica psichiatrica, New York Medical College, Valhalla, e Richard P. Brown, MD, professore associato in psichiatria clinica presso la Columbia University College of Medicine, New York, NY, lo ha definito un processo “credibile” e “ben controllato, randomizzato e controllato”.

Gli autori “affermano che questa è una prova preliminare positiva e che sono necessari ulteriori studi per replicare questi risultati molto positivi iniziali”

Lo studio è stato condotto in Iran, “dove le popolazioni etniche possono avere varianti genetiche che consentono loro di rispondere in modo più positivo o più robusto allo zafferano rispetto ad altre popolazioni”, che è stato “notato con altre erbe”.

È quindi “particolarmente importante replicare questo studio in una popolazione che non è iraniana, per verificare l’efficacia in altri paesi”, hanno osservato Brown e Gerbarg, che sono coeditors di trattamenti complementari e integrativi in ​​pratica psichiatrica (Washington, DC: American Psychiatric Association Publishing; 2017).

“Ogni professionista deve decidere se ritengono che questa prova sia abbastanza promettente da giustificare una prova di zafferano ottimizzato caso per caso [che] tenga conto dell’osservazione che lo zafferano ha bassissimi effetti collaterali, quindi i rischi sono minimi “.

Inoltre, “se lo zafferano è benefico, può essere possibile ridurre la dose o interrompere uno stimolante”, aggiungono Gerbarg e Brown.
I ricercatori riconoscono che sono necessarie ulteriori ricerche, compresi studi più ampi controllati verso placebo con periodi di trattamento più lunghi in uno “spettro più ampio di pazienti con ADHD, compresi quelli con comorbilità e disturbi d’ansia, problemi di sonno e pazienti con ADHD con deficit dell’attenzione”.
FONTE: J Child Adolesc Psychopharmacol. Published online February 11, 2019